ESTATE TEATRALE VERONESE 2024

Published 08.04.2024

4 - 5 LUGLIO 2024 - TEATRO ROMANO (VR)

AMLETO


con Francesco Acquaroli e Sara Bertelà  

e con la partecipazione straordinaria di Franco Branciaroli

musiche originali eseguite dal vivo da Francesco Sarcina

cast in definizione

e con la partecipazione straordinaria di Franco Branciaroli nel ruolo del fantasma di Re Amleto

adattamento e regia Davide Sacco

produzione Ente Teatro Cronaca, LVF - Teatro Manini di Narni, Teatro Segreto

coproduzione ETV (prima nazionale)

Una versione nuova di zecca del dramma shakespeariano realizzata appositamente per il festival, che annovera un cast stellare capitanato da Francesco Montanari, con la star di “Suburra” e “Fargo” Francesco Acquaroli nel ruolo del Re Claudio, l’eclettica protagonista di tanto teatro Sara Bertelà nel ruolo della Regina Gertrude e con la partecipazione straordinaria di Franco Branciaroli nel ruolo del fantasma di Re Amleto. La particolarità di questo allestimento è data dalle musiche originali, composte ed eseguite dal vivo da Francesco Sarcina, mitico frontman delle Vibrazioni, che conferirà allo spettacolo i contorni di un musical dark intenso e viscerale.


25 - 26 LUGLIO 2024 - TEATRO ROMANO (VR)

MOLTO RUMORE PER NULLA


Lodo Guenzi

adattamento e regia Veronica Cruciani

con Sara Putignano e Paolo Mazzarelli

cast in definizione

produzione La Pirandelliana e TSV Teatro Nazionale

coproduzione ETV (prima nazionale)

Veronica Cruciani dirige Lodo Guenzi e Sara Putignano in “Molto rumore per nulla”, uno dei testi più conosciuti di William Shakespeare. Come in molte delle commedie del Bardo, si tratta di una storia giocata su scambi di persona, intrighi, duelli e giochi di parole. E proprio i giochi di parole vengono ad assumere in questa vicenda un significato fondamentale: tutta l’opera si articola infatti su equivoci originati in prima battuta da quello che i protagonisti dicono. Tutti i personaggi vengono ingannati, truffati dalle parole che loro stessi pronunciano o ascoltano. Quello che Shakespeare mette in evidenza, scrivendo quest’opera, è il potere delle parole, il potere dell’interpretazione e il potere del racconto, in una vicenda in cui vero e falso non sono altro che le diverse versioni di una stessa realtà.


01 - 02 AGOSTO 2024 - TEATRO ROMANO (VR)

SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE


COB Compagnia Opus Ballet

coreografia Davide Bombana

danzatori Giuliana Bonaffini, Emiliano Candiago, Matheus De Oliveira Alves,

Ginevra Gioli, Gaia Mondini, Giulia Orlando, Riccardo Papa,

Lorenzo Terzo, Frederic Zoungla, Rebeca Zucchegni

musiche Felix Mendelssohn BartholdyJóhann Jóhannsson

produzione COB Compagnia Opus Ballet con Centro Servizi Santa Chiara

coproduzione ETV (prima nazionale)

Il nuovo progetto coreografico di COB Compagnia Opus Ballet celebra uno dei massimi esponenti della cultura mondiale, William Shakespeare, in una produzione che fonde musica classica, drammaturgia e danza contemporanea.
Al coreografo Davide Bombana l’onore di dare vita ad una nuova collaborazione artistica, che intende esplorare la relazione tra classico e contemporaneo con un linguaggio che possa parlare direttamente al cuore del pubblico. Rifacendosi ai temi dell'irrazionale e dell'assurdo, presenti per quanto velati nel celebre testo di Shakespeare, Bombana creerà un'atmosfera quasi beckettiana dove, tra realtà e allucinazione, un gruppo di danzatori a turno saranno chiamati ad impersonare ora un ruolo ora un altro, scivolando tra realtà e suggestione, dando vita ad un gioco imprevedibile e vivace in contrapposizione ad una natura circostante in lento disfacimento.


Dal 05 al 17 AGOSTO 2024 - TEATRO ROMANO (VR) - escluso 11.08 -

MOMIX


coreografie Moses Pendleton

Autentici beniamini del pubblico veronese, che li segue sempre con grande partecipazione, presenteranno una nuovissima selezione di loro pezzi iconici, montati appositamente per il festival. Noti in tutto il mondo per la creazione di opere multimediali di eccezionale inventiva e straordinaria bellezza fisica, andranno a confermare la visionarietà, piena di splendore immaginifico e sorprendente movimento creativo, del suo creatore Moses Pendleton. La danza dei Momix è fatta di quadri intrisi di ironia e di immagini evocative, che abitano il mondo dell’inconscio, in cui tutti si possono ritrovare.


04 - 05 SETTEMBRE 2024 - TEATRO ROMANO (VR)

SIOR TODERO BRONTOLON di Carlo Goldoni


Franco Branciaroli

regia Paolo Valerio

drammaturgia Piermario Vescovo

con Franco Branciaroli

produzione Teatro Stabile di Trieste, CTB Centro Teatrale Bresciano e Gli Incamminati

coproduzione ETV (prima nazionale)

Carlo Goldoni, nel 1761, prima di partire per la Francia, volendo onorare l'impegno di lasciare un suo ultimo scritto agli attori del Teatro San Luca di Venezia, si mise a capo chino e in fretta e furia partorì un lavoro che nel tempo si è rivelato uno dei più clamorosi successi comici del repertorio goldoniano. SIOR TODERO BRONTOLON è una commedia intrisa di vis comica che appare come uno spietato specchio della borghesia, scrutato con occhio attento e preciso. Il protagonista, nella preziosa interpretazione di Franco Branciaroli diretto da Paolo Valerio, esprimerà tutta la sua antipatia, il suo essere tirchio e sempre spinto verso il denaro, con grande ingenuità, pur di mettere al giusto posto certi interessi economici. Senza cercare di nascondere la sua vera natura, Sior Todero si muove all'interno di una casa che è una sorta di gabbia, di prigione, dove le persone non si incontrano più e non si scambiano affetti, condizionati in tutto e per tutto dalla testardaggine e dall’avarizia di un vecchio bisbetico.


11 - 12 SETTEMBRE 2024 - TEATRO ROMANO (VR)

FEDRA (Ippolito portatore di corona) di Euripide


Fondazione INDA

regia Paul Curran

traduttore Nicola Crocetti

regista Paul Curran

con Ilaria Genatiempo, Riccardo Livermore, Sergio Mancinelli, Gaia Aprea,

Alessandra Salamida, Alessandro Albertin, Marcello Gravina, Giovanna Di Rauso,

Simonetta Cartia, Giada Lo Russo, Maria Grazia Solano, Elena Polic Greco, Alba Sofia Vella,

Giulia Valentini, Miriam Scala, Valentina Corrao, Maddalena Serratore

produzione Fondazione INDA

La dea dell’amore, Afrodite, apre la tragedia e la dea della caccia, Artemide, la conclude, ma al centro di FEDRA -Ippolito portatore di corona di Euripide (428 a. Ch.) non stanno gli dei, bensì la passione umana, assoluta, divorante di Fedra per il figliastro, Ippolito. Fedra tace il proprio amore e si consuma, rivelandolo alla fine soltanto alla nutrice, la quale parla invano a Ippolito, furioso e sprezzante. Fedra preferisce la morte violenta al disonore per l’amore incestuoso che prova nei confronti di Ippolito, lasciando però uno scritto in cui accusa il figliastro di stupro. Il marito, Teseo, provoca allora la morte di Ippolito, riabilitato in punto di morte dalla stessa Artemide. La tragedia contiene alcune riflessioni di innegabile modernità su temi quali il potere delle parole nei rapporti umani, il legame tra libertà e destino, la forza della passione amorosa, i concetti dell’onore e dell’infamia, la conoscenza del bene e del male. Un’opera centrale nella poetica di Euripide, che non smette di affascinare gli spettatori a secoli di distanza, e che trova una nuova complessità nell’allestimento firmato dal regista scozzese Paul Curran.


19 - 20 SETTEMBRE 2024 - TEATRO ROMANO (VR)

ELETTRA da Hugo von Hofmannsthal


Federica Rosellini e Arianna Scommegna

regia Serena Sinigaglia

cast in definizione

drammaturgia Angela Demattè da Hugo von Hofmannsthal e altre fonti

produzione Teatro Stabile del Veneto – Teatro Nazionale

regia Serena Sinigaglia

Questa tragedia in un atto unico di Hugo von Hofmannsthal, ispirata all’Elettra di Sofocle e inscenata per la prima volta da Max Reinhardt nel 1903, è dedicato dall’autore alla “divina” che però non ha mai recitato nel ruolo pensato per lei. Riprendere questo testo, animato dalla potenza catalizzatrice di Eleorona Duse come semplice musa ispiratrice, ci è sembrato il modo migliore per omaggiarla senza ingenerare improbi confronti con qualunque suo storico cavallo di battaglia. Una nuova versione diretta da Serena Sinigaglia per la Compagnia Giovani del TSV con due attrici importanti come Federica Rosellini e Arianna Scommegna, rispettivamente nei ruoli di Elettra e Clitemnestra, che mette a reazione il testo di Hofmannsthal con le tragedie di Sofocle, di Eschilo, di Euripide, l'Iliade e l'Odissea di Omero, indagando il mito di Elettra, la figlia che uccide la madre, Clitemnestra, per vendicare l'assassinio dell'amato padre, Agamennone. Da Jung in poi, il complesso di Elettra diventa il corrispettivo femminile dell'Edipo, ma Sinigaglia, supportata dalla drammaturgia originale di Angela Demattè, supera questa definizione per addentrarsi in una riflessione più ampia sul femminile e sul maschile, fino ad affrontare il delicato tema dell'identità di genere.

 



  • accademia filarmonica di verona
  • amici della musica di verona
  • Teatro Stabile Verona
  • carnet verona
  • TEATRO RISTORI - ANTEPRIMA 2021/2022

Choose

your event
 

Buy

your tickets
 

Enjoy

the show