DIVERTIAMOCI A TEATRO - STAGIONE 2017/2018

Pubblicato il 05.10.2017

Dal 7 novembre al 6 aprile torna al Teatro Nuovo di Verona la rassegna di teatro brillante "Divertiamoci a Teatro", capace ogni anno di coinvolgere un numero sempre maggiore di spettatori rendendola una delle manifestazioni teatrali più seguite e amate dal pubblico veronese. 8 appuntamenti, più due "fuori abbonamento", a creare un cartellone di grande qualità che verrà inaugurato dallo spettacolo di Elio (leader de Le Storie Tese) e si concluderà con l'ironia dissacrante di Teresa Mannino.

BIGLIETTI IN VENDITA DAL 30 OTTOBRE.
Questo il programma completo:

7, 8 e 10, 11 novembre 2017

SPAMALOT


"Spamalot" è il musical tratto da Monty Python e il Sacro Graal, film cult del più grande gruppo comico di tutti i tempi. Questo sarebbe già di per sé un evento interessante per il panorama teatrale italiano, dove non a caso in quarant’anni anni nessuno aveva mai osato mettere in scena i Monty Python. 
A raccogliere la sfida dell’adattamento in italiano è stato chiamato Rocco Tanica e questo alza di molto il livello dell’operazione. Tanica non è solo il musicista, autore e personaggio televisivo a tutti noto, ma anche un appassionato conoscitore dell’opera dei Monty Python. Difficile immaginare qualcuno più adatto a cui affidare questo compito. Né, d’altra parte, è possibile pensare ad altri che a Elio per il ruolo principale nello spettacolo, quello di Re Artù. 
Elio torna al musical dopo il successo de La Famiglia Addams e sceglie di farlo confrontandosi con coloro che sono sempre stati uno dei principali punti di riferimento suoi e di Elio e le Storie Tese. 

Con Elio, 
Adattamento: Rocco Tanica.
Regia: Claudio Insegno. 
Produzione TEATRO NUOVO MILANO


21, 22, 23, 24 novembre 2017

L'UOMO CHE NON CAPIVA TROPPO - RELOADED


Lillo & Greg tornano in teatro con la divertentissima commedia “L’uomo che non capiva troppo”, una deliziosa pièce che prende spunto dall’acclamata serie presente nella trasmissione radiofonica “6-1-0”. 
Immaginate un uomo tranquillo, Lillo, con una vita tranquilla e quasi anonima. Finché non fa una scoperta incredibile: la tranquillità è la facciata di un mondo che non gli appartiene, fatto di spionaggio, intrighi e società segrete. Ciò in cui ha sempre creduto non è come sembra, né l’amata moglie né il migliore amico Greg.
Comincia qui un cammino di suspence e mille peripezie, misteri da svelare, interrogatori e sparatorie a metà fra Matrix e un film di James Bond, dove c’è una banda di cattivi da sgominare e un progetto di dominio del mondo da sventare. L’uomo non troppo comune Lillo cerca di venire a capo di questa incredibile situazione, seguendo le incomprensibili istruzioni fornite dal suo mentore Greg.

Di e con Lillo & Greg,
Regia: Lillo & Greg,
Coregia: Claudio Piccolotto,
Produzione: LSD EDIZIONI srl.


19, 20, 21, 22 dicembre 2017

FIORE DI CACTUS


Da un ispido cactus può sbocciare un fiore di straordinaria bellezza, mentre le bugie hanno sempre le gambe corte, specie se chi le racconta vive eternamente nella menzogna. Uno straordinario testo che è diventato ormai un classico della commedia "brillante", un filone teatrale che non è assolutamente da considerarsi "minore", in quanto ha modalità e criteri di realizzazione spesso complicatissimi.
Questo tipo di teatro non ha solo la fortuna di avere grande presa sul pubblico, ma spesso riesce a raccontare, senza darlo troppo a vedere, grandi verità sulla vita, sull'amore, sul dolore e su tutte le debolezze umane. Fiore di cactus alterna momenti sentimentali ad altri più scanzonati con grande naturalezza, andando dritto al cuore del pubblico, attraverso una serie di bizzarre storie d’amore che sbocciano fra situazioni fra le più "spinose".

Con Benedicta Boccoli e Maximilian Nisi.
Regia: Piergiorgio Piccoli e Aristide Genovese.
Scenografia: Adriano Pernigotti. Costumi: Rosita Longhin. Musiche: Stefano De Meo. Luci: Samuel Donà.
Produzione THEAMA TEATRO


23, 24, 25, 26 gennaio 2018

L'AVARO


L’Avaro è uno spaccato familiare e sociale. Arpagone è un capofamiglia balordo, taccagno e tirannico come tanti altri, circondato da un amabile e canagliesco intrigo di servi e di innamorati. Poi Arpagone viene derubato e l’avarizia cessa di essere un tic, una deformità, uno spunto di situazioni farsesche.
L’Avaro è una delle commedie molieriane che presuppongono uno spaccato familiare, una ‘casa’; ma la ‘casa’ di Harpagon è anche un luogo rigorosamente finto, esplicitamente e spudoratamente teatrale. Una casa che potrebbe essere una metafora del teatro, coi suoi prodigi, le sue inverosimiglianze e la sua cartapesta.

Con Alessandro Benvenuti.
Regia: Ugo Chiti
Musiche: Vanni Cassori. Luci: Marco Messeri.
Produzione Arca Azzurra Teatro


6, 7, 8, 9 febbraio 2018

DI CHE TI MANDA PICONE


Nel 1984 Nanni Loy girò la fortunata pellicola con Giancarlo Giannini e Lina Sastri, Mi manda Picone, che narra la storia di un operaio dell'Italsider di Bagnoli che per protesta, alla chiusura della fabbrica, si dà fuoco in tribunale davanti al figlio piccolo e alla moglie. Il mondo sotterraneo dell'uomo, fatto di camorra e mazzette, verrà portato a galla da Salvatore, un disoccupato che aiuterà la moglie dell'apparente innocente suicida a chiarire dei misteri.
Nella pièce teatrale ci si chiede che fine abbia fatto il bambino che assistette alla morte del padre. Elvio Porta, sceneggiatore insieme a Loy del film, ha scritto per il teatro uno spin-off che immagina dopo trentatré anni il figlio Antonio ormai adulto, disoccupato, sposato, forse futuro papà, esaurito e perseguitato da oscuri personaggi. 

Con Biagio Izzo.
Regia: Enrico Maria Lamanna.
Scenografie: Luigi Ferrigno.
Produzione COMPAGNIA ENFITEATRO – MICHELE GENTILE


FUORI ABBONAMENTO - 19 febbraio 2018

DI MALE IN SEGGIO


Enrico Bertolino ha iniziato da tempo a cimentarsi in una formula teatrale innovativa che ha portato con successo nei teatri di Roma e Milano. Si tratta dell’ instant theatre, spettacolo in cui narrazione, attualità, umorismo, storia, costume, cronaca, comicità, politica e satira si incontrano sul palcoscenico. Il teatro diventa così luogo di informazione satirica strettamente legata all’attualità, e lo spettacolo un percorso di conoscenza di un tema politico o sociale. Novanta minuti di spettacolo per chiarirsi le proprie convinzioni e farsene delle nuove.
Sul palco, a scandire i diversi momenti dello spettacolo, ci sarà un musicista che, con musiche originali e altre tratte dal grande repertorio della musica leggera italiana, che accompagnerà lo stand up comedian milanese nelle sue performance musicali.

FUORI ABBONAMENTO
Con Enrico Bertolino.
Regia: Massimo Navone.
INSTANT THEATRE 2018


27, 28 febbraio 1, 2 marzo 2018

DUE


La scena è una stanza vuota. L'occasione è l'inizio della convivenza che per tutti gli essere umani è un momento molto delicato. Marco è alle prese con il montaggio di un letto matrimoniale, Paola lo interroga sul loro futuro di coppia. Sapere oggi come sarà Marco fra 20 anni, questa è la sua pretesa, o forse la sua illusione.
La diversa visione della vita insieme emerge prepotentemente nelle differenze fra maschile e femminile. Entrambi i due giovani evocheranno facce e personaggi del loro futuro e del loro passato: genitori, amanti, figli, amici che come in tutte le coppie turberanno la loro serenità. Presenze interpretate dagli stessi due protagonisti che accompagneranno fisicamente in scena dei cartonati con le varie persone evocate dal loro dialogo. Alla fine il palco sarà popolato da tutte queste sagome e dai due attori: l'immagine stilizzata di una vita di coppia reale, faticosa e a volte insensata. 

Con Raoul Bova e Chiara Francini.
Regia: Luca Miniero.
Produzione COMPAGNIA ENFITEATRO – MICHELE GENTILE


6, 7, 8, 9 marzo 2018

UNA DELLE ULTIME SERE DI CARNOVALE


Dice Goldoni nella premessa a questa sua fortunata commedia di aver voluto raccontare una “metafora” autobiografica: in procinto di partire per la Francia, nel 1762, per sfuggire alle invidie e alle critiche che la sua riforma teatrale suscitava, ha pensato come propria la storia di Anzoletto, disegnatore di stoffe veneziano deciso a portare in Moscovia la sua creatività, anche lui disgustato dalle difficoltà di lavorare in patria.
Ed è proprio la scelta di parlare d’altro per parlare di sé che ci conferma la validità delle parole di un grande testo classico per riflettere sui nostri problemi. Il tutto attraverso lo scorrere di una delle tante sere della vita, tra discorsi fatti di nulla, tra una partita a carte e una cena familiare, tra i gesti, le risate e le malinconie attraverso le quali, senza che ce ne accorgiamo, si compiono scelte decisive e irreversibili.

Di Carlo Goldoni.
Con Antonio Sarasso, Maria Alberta Navello, Alberto Onofrietti.
Regia: Beppe Navello.
Scene e costumi: Luigi Perego. Musiche: Germano Mazzocchetti. Luci: Gigi Saccomandi.
Produzione FONDAZIONE TEATRO PIEMONTE EUROPA


20, 21, 22, 23 marzo 2018

NON MI HAI PIÚ DETTO TI AMO


La storia di una famiglia italiana contemporanea costretta ad affrontare un cambiamento traumatico improvviso che, alla fine di un percorso umano difficile ed intenso, si ritroverà completamente trasformata e forse più preparata a sopravvivere. Lorella Cuccarini accetta la sfida di interpretare il ruolo che le è più congeniale, quello di una madre, Serena, che trova la forza di mettersi in discussione.
In seguito ad un imprevedibile, ma forse “salvifico” incidente di percorso infatti, questa super-mamma e moglie perfetta, che porta sulle sue spalle tutta l'organizzazione e la responsabilità della famiglia, capisce che forse questo ruolo non è più funzionale alla sua felicità e con grande coraggio decide di recuperare se stessa e il suo essere donna rimettendo completamente in gioco l'equilibrio su cui poggia l'intera famiglia. 

Con Lorella Cuccarini e Giampiero Ingrassia.
Regia: Gabriele Pignotta.
Scene: Alessandro Chiti. Costumi: Silvia Frattolillo. Musiche originali: Giovanni Caccamo. Luci: Umile Vainieri.
Produzione MILLELUCI ENTERTAINMENT.


FUORI ABBONAMENTO - 5, 6 aprile 2018

SENTO LA TERRA GIRARE


Dopo 154 date nei teatri italiani con il suo spettacolo "Sono nata il ventitré", con cui ha raccontato la sua infanzia, la sua vita e come è cambiato il mondo attorno a lei, Teresa Mannino torna in teatro con il suo nuovo spettacolo, ispirato sempre dalla sua amata Sicilia.

FUORI ABBONAMENTO
Con Teresa Mannino.
Produzione BANANAS.


  • Terranostra
  • carnet verona
  • Spettacoli Dieci e Lode

Scegli

Il tuo evento
 

Acquista

I tuoi biglietti
 

Goditi

Lo spettacolo