ESTATE TEATRALE VERONESE 2021

Pubblicato il 30.05.2021

 

 

La 73ª edizione dell'Estate Teatrale Veronese quest'anno ci regala un cartellone ricco di eventi nella speranza di regalare qualche ora di serenità. Oltre alla suggestiva cornice del Teatro Romano, alcuni spettacoli saranno nel Cortile Museo Lapidario Maffeiano e al Museo degli Affreschi (Tomba di Giulietta). Vi aspettiamo numerosi!  

Di seguito il cartellone di prosa e danza: 

2 e 3 Luglio 2021 - Teatro Romano di Verona

L'AMLETO


PRIMA NAZIONALE - Una versione riveduta e “scorretta” dell’Amleto, dove però i personaggi principali ci sono tutti, in presenza o solo evocati. Rossi, regista, autore e contastorie, manovra i fili della messa in scena per fa rivivere, con tocco leggero e irriverente, il principe di Danimarca, ossessionato da un sogno che lo spinge a perseguire la vendetta. L’Amleto, scritto con la collaborazione drammaturgica di Roberto Cavosi, diventa manifesto di un teatro popolare di rinascita e ricerca, capace di divertire nel momento in cui celebra la grandezza di un mito teatrale inarrivabile.


8 e 9 Luglio 2021 - Teatro Romano di Verona

SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE


ANNULLATO PER MALTEMPO LO SPETTACOLO DI QUESTA SERA! Purtroppo le attuali condizioni meteo rendono impossibile la messa in scena di SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE e il ripristino del palcoscenico. Quanto prima verranno fornite a tutti gli spettatori ulteriori informazioni!

PRIMA NAZIONALE - Il Sogno di una notte di mezza estate di William Shakespeare è un vero e proprio teorema sull’amore, ma anche sul nonsense della vita degli uomini, che si rincorrono e che si affannano per amarsi, che si innamorano e si desiderano senza spiegazioni, che si incontrano per una serie di casualità di cui non sono padroni. Giorgio Sangati riunisce un gruppo di giovani attori per restituire tutta la freschezza e l’energia di un’età piena di slanci e di contraddizioni, tra ambientazioni naturali e sorprendenti intromissioni magiche.


12 Luglio 2021 - Teatro Romano di Verona

THE MISTERY OF HAMLET


PRIMA NAZIONALE - Un viaggio musicale, tra parole e immagini, attorno all’iconico personaggio shakesperiano. Elemento centrale della messa in scena è la proiezione del film muto danese prodotto in Germania nel 1921 dall’attrice Asta Nielsen e co-diretto da Svend Gade. La proiezione è sonorizzata da un quartetto formato da musicisti provenienti dagli Afterhours, Verdena e Teatro degli Orrori e accompagnata dalla voce di Filippo Nigro, che si fa attore agente sulla scena in costate relazione con la pellicola. 


20 Luglio 2021 - Teatro Romano di Verona

LE ALLEGRE COMARI DI WINDSOR


La scrittura di Edoardo Erba e la regia di Serena Sinigaglia riadattano, tagliano e montano con ironia la commedia di Shakespeare, innestando brani suonati e cantati dal vivo dal “Falstaff” di Verdi. Due lettere d’amore identiche, ricevute l’una da Miss Page l’altra da Miss Ford, sono lo stimolo per trasformare il solito e very british tè delle cinque in uno scatenato gioco dell’immaginazione, con un trascinante gusto pop, tra il musical e il cabaret. 


22-23-24-25 Luglio 2021 - Cortile Museo Lapidario Maffeiano

TITUS la dolorosissima tragedia romana di Tito Andronico


PRIMA NAZIONALE - Lo straordinario scenario offerto dal Museo Lapidario Maffeiano farà da sfondo ad una delle tragedie shakesperiane ambientate in epoca romana. L’allestimento, capace di mescolare in modo originale teatro di narrazione e teatro di figura, segue le vicende del generale Tito Andronico. L’attore Bob Marchese sfoglia le pagine di un libro evocando la sua storia, piena di crudeltà e di orrore, come facevano gli aedi e i cantori dell’epica. Dal libro i vari personaggi prendono la forma di fantocci o burattini, manovrati a vista da un gruppo di attrici che danno voce, volto e carne a questo racconto che si fa teatro.


26 Luglio 2021 - Cortile Museo Lapidario Maffeiano

SHAKESPEAREOLOGY


Shakespeareology è un one-man show, una biografia, un catalogo di materiali shakespeariani, un pezzo teatrale ibrido che dà voce al Bardo in persona e cerca di rovesciare i ruoli abituali. Sotterraneo condisce l’orizzonte del divertissement con un affondo nella pratica del fare teatro, messa in mostra, mentre è in azione, nei suoi dispositivi drammaturgici e di scrittura dei personaggi, nella relazione fra attori e spettatori. Dopo secoli passati a interrogare la sua vita e le sue opere, finalmente Shakespeare dice la sua, e nel farlo interroga il pubblico del nostro tempo.


27 Luglio 2021 - Teatro Romano di Verona

OTELLO dalla parte di Cassio


Una tragedia shakesperiana generata dalla gelosia che avvelena la mente ed il cuore, creata da nulla e sul nulla, ma che ancora oggi vediamo viva in continui episodi per la menzogna di chi vuole la rovina di spiriti nobili. Alessandro Preziosi affronta questo argomento drammatico con le note di Verdi e Rossini, autori delle più note versioni operistiche dell’Otello, eseguite dal pianista Carlo Guaitoli.


30 Luglio 2021 - Teatro Romano di Verona

SOIRÉE RUSSE omaggio a Diaghilev e Nijinsky


I solisti della compagnia Daniele Cipriani, con gli ospiti Sasha Riva e Simone Repele, danzeranno i lavori di coreografi italiani ed internazionali ispirati alla grande tradizione dei Ballets Russes. Si va dal "Prélude à l’après midi d’un faune” di Amedeo Amodio su musiche di Debussy a "Le Spectre de la Rose” di Giorgio Mancini, da "L’Uccello di Fuoco” di Marco Goecke su musiche di Stravinskij a "La Sagra della Primavera” di Uwe Scholz, per concludere con la "Suite Italienne" da Pulcinella  di e con Sasha Riva e Simone Repele  e con il costume originale disegnato da Pablo Picasso appositamente per il balletto.


3 Agosto 2021 - Teatro Romano di Verona

FIGHT OR FLIGHT


Chiara Frigo e l'Associazione Zebra ritornano con questa nuova coreografia, lo spettacolo nasce da una suggestione precisa: un incendio divampa e divora tutto ciò che incontra. Il fuoco è qui un elemento di rottura, in grado di decretare le sorti di tutte le esistenze che incontra. Il palcoscenico è abitato da un gruppo di performer chiamati ad evocare una comunità di persone immerse in un silenzio attonito. Sono quel popolo, quella tribù che si trova a lottare, a fare i conti con le perdite, e a chiedersi da cosa ripartire


5 Agosto 2021 - Teatro Romano di Verona

BAYADÈRE


Una Bayadère contemporanea in cui il coreografo Michele Di Stefano coglie l’atemporalità del classico nel III atto di Bayadère, il cosiddetto Regno delle Ombre, dove le anime impalpabili apparse in sogno al guerriero Solor dopo aver fumato il narghilé scendono in arabesques penchées le pendici dell’Himalaya. Una visione incantevole, un atto bianco di stupore che ora si traduce in una visione psicadelica e contemporanea, ma sempre con le musiche di Minkus ad accompagnarla


7 Agosto 2021 - Teatro Romano di Verona

GRACES


Silvia Gribaudi è dotata per l’ironia, l’autoironia, il sarcasmo, sa trattare abilmente, con mano leggera e forte, le tante contraddizioni sul tema bifronte della “bellezza della bruttezza” e della “bruttezza della bellezza”, che appassiona la nostra società occidentale/globale social-mediatizzata. Graces è una performance ispirata alla scultura e al concetto di bellezza e natura che Antonio Canova realizzò tra il 1812 e il 1817. 


10 Agosto 2021 - Teatro Romano di Verona

COPPELIA


Coppelia segna un passaggio importante del balletto romantico, che abbandona il mondo piuttosto oscuro di villi e silfidi per addentrarsi in un ambito mai perlustrato prima dalla tradizione romantica: la gelosia di Swanilda per la bambola Coppelia. Ed è proprio il gioco del doppio e la relazione tra i due personaggi femminili al centro della rilettura coreografica curata da Laura Corradi


12 Agosto 2021 - Teatro Romano di Verona

BOOMERANG


RBR Dance Company Illusionistheatre, presenta la sua nuova produzione Boomerang gli Illusionisti della Danza: un viaggio onirico che inizia con la comparsa della vita sulla terra, la nascita dell’uomo e che si sviluppa poi in tre ambienti diversi ma tra loro collegati dalla presenza, diretta o indiretta, del genere umano.


24 Agosto 2021 - Teatro Romano di Verona

IL TEATRO COMICO


PRIMA NAZIONALE - “Il Teatro Comico" è un testo metateatrale estremamente moderno nella sua concezione. In un periodo critico come quello che stiamo attraversando, la scelta di questo testo invita a una riflessione sul mestiere dell’attore e sulle sue difficoltà, sul teatro e sulle sue poetiche. A capitanare un cast di attori veneti Giulio Scarpati diretto da Eugenio Allegri.


27 Agosto 2021 - Teatro Romano di Verona

GLI UCCELLI un’utopia


PRIMA NAZIONALE - Rappresentare oggi la famosa commedia di Aristofane significa scegliere di affrontare e indagare il tema dell'utopia, e di farlo proprio in un momento storico in cui parlare di futuro, di lieto fine, di speranza e di ricostruzione è una (vera) sfida da raccogliere. La Compagnia Mitmacher guarda al teatro come mezzo davvero fondamentale per progettare un futuro migliore dal punto di vista umano civile e culturale. Il progetto si avvale della partecipazione straordinaria in video dell’attore Paolo Calabresi.

 


1 Settembre 2021 - Teatro Romano di Verona

IFIGENIA - generazionesacrificio


PRIMA NAZIONALE - Un dramma che contrappone potere e dedizione, ragione di stato e moti del cuore, regole imposte dagli adulti a cui i giovani devono attenersi. A questo confronto generazionale si rivolge il lavoro di Camilla Zorzi e Silvia Masotti, che portano sulla scena giovani e adolescenti, contrapposti ad adulti cristallizzati nelle immagini realizzate dalla Compagnia Anagoor.


7 e 8 Settembre 2021 - Teatro Romano di Verona

RESURREXIT CASSANDRA


Per la prima volta all’Estate Teatrale Veronese il provocatorio e geniale artista belga Jan Fabre, porta in scena Resurrexit Cassandra, testo firmato da Ruggero Cappuccio. La sacerdotessa inascoltata, interpretata da Sonia Bergamasco, risorge dalla mitologia greca e dal Mount Olympus di Fabre per diventare protagonista di questo assolo in cinque quadri.


9 e 10 Settembre 2021 - Teatro Romano di Verona

AULULARIA


Aulularia è una commedia di Plauto in cui i motivi principali sono l’insaziabilità, la lussuria e l’oro. La vicenda narra dell’avaro Euclion e della sua sete inarrestabile di denaro. In una maniera semplice e diretta l’autore ci parla di tutti i lati ridicoli e disastrosi dell’avidità, per cui prima di tutto soffrono gli affetti più cari e vicini. Grazie al suo linguaggio semplice, ricco di figure retoriche gli spettatori di oggi riescono facilmente a godersi tutta l’ironia di Plauto e di quest’opera senza tempo, interpretata con perfetta aderenza da Ettore Bassi.


  • Terranostra
  • carnet verona
  • Spettacoli Dieci e Lode

Scegli

Il tuo evento
 

Acquista

I tuoi biglietti
 

Goditi

Lo spettacolo