VORREI ESSERE FIGLIO DI UN UOMO FELICE

VORREI ESSERE FIGLIO DI UN UOMO FELICE

A inaugurare la rassegna "Divertiamoci a teatro" sarà Gioele Dix con Vorrei essere figlio di un uomo felice, sottotitolo L’Odissea del figlio di Ulisse, ovvero come crescere con un padre lontano. Lo spettacolo, prodotto da Giovit e scritto e interpretato da Dix, sarà in scena dal 27 al 30 Ottobre. Divertente monologo che ruota attorno all’idea della paternità ignorata, perduta, cercata o ritrovata, è una sorta di viaggio che usa come guida l’Odissea toccando liberamente lungo il percorso autori molto amati da Dix e legami con la sua storia familiare. «All’inizio dell’Odissea – dice Gioele Dix –  Ulisse è assente e lontano. A Itaca, nessuno sa se sia ancora vivo e se mai vi farà ritorno. Persino fra le vette dell’Olimpo regna l’incertezza, e gli dei discutono a lungo sulla sua sorte. Omero, come il più navigato degli sceneggiatori, sceglie di ritardare l’entrata in scena del suo primo attore. E con lui, l’apparizione di personaggi e avvenimenti strabilianti che renderanno indimenticabile il suo viaggio: la maga Circe, il ciclope Polifemo, il canto delle Sirene, la discesa nell’Ade, gli incantesimi della dea Calipso. Tutto accadrà, o meglio, verrà rievocato da Ulisse in una sorta di lungo flashback, dal quinto canto in poi. È forse per questo motivo che i primi quattro canti dell’Odissea sono meno conosciuti e frequentati. Eppure, in essi si racconta di un altro viaggio, meno spettacolare, ma altrettanto determinante: quello del figlio di Ulisse alla ricerca del padre. Un breve, ma intenso romanzo di formazione in cui il figlio del protagonista prova a uscire dall’ombra e imparare a crescere. Telemaco parte da Itaca sulle tracce dell’illustre e ingombrante genitore che non ha mai conosciuto, in un lungo itinerario per mare e per terra fitto di incontri rivelatori, durante il quale il giovane prenderà consapevolezza di sé e del proprio destino. E quando Ulisse e Telemaco finalmente si incontreranno, l’eroe invecchiato e sfiancato da una guerra inutile abbraccerà commosso il giovane uomo cui cedere il suo scettro. La figura di Telemaco incarna dunque la sorte di tutti i figli costretti a combattere per meritarsi – conclude Dix – l’eredità dei propri genitori».

 

RICORDIAMO CHE PER ACCEDERE AGLI EVENTI SARÀ OBBLIGATORIO ESSERE MUNITI DI GREEN PASS E DOCUMENTO DI IDENTITÀ

 

PER L'ACQUISTO CON SCELTA DEL POSTO CLICCA QUI: https://www.boxol.it/BoxofficeLive/it/advertise/vorrei-essere-figlio-di-un-uomo-felice/376486 

  • Terranostra
  • carnet verona
  • TEATRO RISTORI - ANTEPRIMA 2021/2022
  • Spettacoli Dieci e Lode

Scegli

Il tuo evento
 

Acquista

I tuoi biglietti
 

Goditi

Lo spettacolo